I corpi e le cose. Un modello naturalistico della conoscenza

Tratto da: I corpi e le cose di Enrico Bellone1 

Nonostante le teorie newtoniane siano ormai superate, l’abitudine radicata nel senso comune immagina lo spazio, il tempo e la materia come entità separate. Allo stesso modo il pregiudizio è alla base di molte considerazioni sulla comunicazione. Il linguaggio non è un artefatto culturale così come impariamo a leggere l’ora. Il linguaggio è invece un pezzo a sé del corredo biologico del nostro cervello, così come i ragni sanno tessere la tela. Il problema è capire le ragioni per cui, nelle approssimazioni del senso comune e della scienza classica, è così naturale comportarsi in un certo modo, senza mai accorgerci, però, di ciò che i nostri corpi fanno per garantire tale naturalezza. “Fu la nascita del sistema nervoso e del cervello a portare al mondo gli oggetti intenzionali”. Richard Dawkins 1996.

  1. I corpi e le cose. Un modello naturalistico della conoscenza, Bellone Enrico, Bruno Mondadori, 2000()
Questa voce è stata pubblicata in Bibliografia, Filosofia, Scienza e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *